Intervista rappresentante della Consulta

Nome, cognome, classe: Bianca Quaresimin, 4Bse

Cosa vuol dire essere rappresentante della consulta? Vuol dire rappresentare la propria scuola, impegnandosi concretamente per promuovere progetti stimolanti e interessanti agli occhi degli studenti. Saper discutere dei problemi comuni delle scuole e confrontarsi formulando pareri e proposte.

Che cos’è la consulta? La Consulta è l’organismo istituzionale composto dall’insieme di uno/due studenti, eletti direttamente dai loro compagni di scuola, per ogni scuola superiore della Provincia.

Perché hai voluto provare questa esperienza? A me l’avevano fortemente consigliato e in più mi interessava anche capire meglio in cosa consisteva la collaborazione fra le diverse scuole della Provincia.

Quello che stai facendo rispecchia quello che ti aspettavi di fare prima di essere eletta? Diciamo di sì, solo non mi aspettavo esistessero così tante scuole!

Quanto e come è importante la consulta per la nostra scuola? La consulta è tanto importante per tutte le scuole. Aiuta a estendere i progetti riservati magari a una singola scuola, promuovendoli e dando così maggiori opportunità agli studenti.

Sei soddisfatta del tuo lavoro fino a questo momento? Mm sì anche se probabilmente devono essere gli altri a giudicarmi ma la parte più faticosa del lavoro deve ancora arrivare…

Quali sono i pro e i contro di essere una rappresentante della consulta? I pro sono tanti, è un’esperienza che ti fa crescere, ti da’ l’opportunità di ideare, realizzare progetti e ovviamente conoscere nuove persone interessanti 😉 L’unico contro è che c’è sempre qualcosa in più a cui pensare e a cui dover dedicare del tempo.

Riesci a mantenere un buon equilibrio con gli studi pur essendo impegnata in comitati e riunioni anche durante l’orario scolastico? Premettendo che non vado così forte a scuola, l’impegno preso non mi crea troppi problemi.

Di quali argomenti state discutendo in questo periodo? Io personalmente faccio parte della commissione per l’organizzazione del Festival dello Studente (vi obbligherò con la forza a partecipare), in generale però ci stiamo occupando in particolare della promozione della tessera Io Studio, non tutti ce l’hanno o ne conoscono i reali vantaggi.

Secondo te quanti studenti sapevano cosa fosse la consulta prima di questa intervista? Molto pochi, è il primo anno penso in cui ci sia stata la presentazione dei candidati.. la consulta è sempre stato un grande mistero per la maggior parte degli studenti, speriamo che questo articolo aiuti almeno un po’…

Consigli di provare questa esperienza? Certo che sì, quando io e Rocco finiremo la nostra carica spero di vedere più interesse e più candidati (di solito è difficile trovarne anche solo uno per scuola, il Quadri quest’anno è stata l’eccezione).

Per concludere l’intervista, dicci qualcosa che hai imparato nei primi mesi di questo tuo incarico: la Mariarosa è una santa donna, bisogna sempre rispettare i suoi ordini

Corrado Graziano 4ªBse